Inter – Sampdoria 2-1, Serie A

17 Febbraio 2019, Stadio Giuseppe Meazza

Formazione Inter
Gagliardini per Vecino e Lautaro Martinez per Icardi sono le novità di Spalletti per un Inter che viene da una settimana turbolenta.
Conferma anche per Nainggolan tra i titolari.

Formazione Sampdoria
Riccardo Saponara per l’indisponibile Ramirez è l’unica variazione all’interno del rodato 4-3-1-2 di Giampaolo.
In attacco ancora panchina per Gabbiadini, parte titolare Defrel.

Schermata 2019-02-17 alle 20.19.06

Inter verticale
Il match inizia con un’Inter molto verticale, chiaramente su indicazione di Spalletti che cerca di esplorare lo spazio alle spalle della difesa blucerchiata.
Come spesso accade gli uomini di Giampaolo pressano alti con le due punte e Saponara più l’interno sul lato della palla, tutto il resto della squadra scala in alto portando la linea difensiva all’altezza del centrocampo.

L’Inter in varie occasioni, spesso forzando la giocata con scarsi risultati, prova a verticalizzare su Martinez, la migliore esecuzione è di Gagliardini che su una palla mossa dalla destra su Nainggolan riceve lo scarico del belga e di prima lancia da centrocampo il taglio di Martinez che sorprende tutti, ma calcia addosso ad Audero.

Trio offensivo
In fase di possesso l’Inter con il 4-2-3-1 alza i terzini all’altezza del centrocampo e mantiene in linea i due mediani Gagliardini e Brozovic, deputati a scivolare lateralmente per coprire la salita dei terzini e presidiare la zona centrale, sulla pressione senza palla nerazzurra salgono prendendo una posizione intermedia per schermare le mezzali.

La Sampdoria gioca molto su queste situazioni defilando le punte e schierando centralmente Saponara abile a nascondersi alle spalle dei due mediani che spesso se lo perdono per ricevere lo scarico dei compagni scambiando di prima con le mezzali o con una delle punte che a loro volta verticalizzano sull’altro attaccante che si allarga, come sempre il playbook di Giampaolo prevede in questo caso che la punta sul lato opposto e lo stesso Saponara taglino nuovamente in mezzo supportati dalla mezzala.

Classica difficoltà sugli esterni
Verso la mezz’ora il ritmo della partita si alza e muovendo palla velocemente in nerazzurri portano il possesso su Politano e Perisic sui quali le mezzali blucerchiate non fanno in tempo a ripiegare, evidenziando uno dei più grandi limiti tattici del modulo di Giampaolo, lasciando spesso gli esterni nerazzurri liberi di andare pericolosamente a puntare il terzino che non avendo assistenza è costretto a rinculare sin dentro l’area.

Triangolo mobile
Avvio di ripresa dai ritmi bassi e denotato da molti errori che portano ad almeno una potenziale occasione per parte, al 60esimo Spalletti cambia Gagliardini con Joao Mario, in non possesso Inter che resta con il 4-2-3-1 / 4-5-1 a seconda della posizione degli esterni, ma in possesso le differenti caratteristiche del portoghese permettono ai nerazzurri di attaccare con un 4-3-3 più fluido con Martinez più a suo agio nell’associarsi a compagni più vicini e costanti negli inserimenti e con gli esterni che ricevono palla più velocemente.

Il cambio è significativo con i nerazzurri che creano subito un paio di potenziali occasioni e che passano in vantaggio su un pallone recuperato da Joao Mario, che raggiunge Perisic libero di puntare sin dentro l’area Berezynski e servire il tap-in di D’Ambrosio per l’1-0.

Vantaggio che dura pochi minuti, perché il neo entrato Gabbiadini sfrutta l’incertezza di Skriniar, impacciato da centrale sinistro, e realizza l’1-1.

Passano altri due minuti ed in nerazzurri tornano in vantaggio occupando rabbiosamente l’area avversaria e segnando con Nainggolan sugli sviluppi di calcio d’angolo.

Assedio Sampdoria
Minuti finali con la Sampdoria che prova a cercare il pareggio senza concretizzare nessuna occasione e senza provare qualcosa di diverso, nè i cambi di Giampaolo al solito cambiano la struttura della sua squadra.

Inter che si abbassa in un compatto 4-5-1 senza soffrire più di tanto.

Embed from Getty Images

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...