Atalanta – Spal 2-1, Serie A

10 Febbraio 2019, Stadio Atleti Azzurri d’Italia

Formazione Atalanta
Non ci sono variazioni alla formazione titolare di Gasperini.

Formazione Spal
Semplici schiera Paloschi per Antenucci accanto a Petagna, Missiroli al centro della linea a 5 con Valoti interno destro.

Schermata 2019-02-10 alle 23.54.05

Aggressività contro aggressività
Simili nel modulo Gasperini e Semplici con un 3-4-1-2 vs. un 3-5-2, ma diversi nell’applicazione dove la Spal eguaglia l’Atalanta è l’aggressività con cui a sorpresa interpretano la partita mettendo in difficoltà gli orobici.
Pressione alta a partire dalle due punte e dal trio Kurtic-Missiroli-Valoti, aggressività a tutto campo e linea difensiva che si alza a tenere corti gli spallini sono le armi che producono 3 cartellini gialli (2 Spal-1 Atalanta) e 3 occasioni con 1 gol realizzato tutti per Petagna nei primi 15 minuti di gioco.

Qualità Atalanta
Ciò in cui si differenziano le due squadre è la qualità della manovra, se gli ospiti sono molto diretti, attaccando in genere con quattro uomini e conducendo le transizioni con Kurtic o Missiroli a sinistra e Lazzari a destra, l’Atalanta ha un gioco più organico che si basa sulle qualità di Gomez e Ilicic tra le linee, la prima occasione per i padroni di casa è proprio per Gomez che liberato dentro l’area dopo una prolungata azione di possesso con 5 giocatori in zona d’attacco, conclude sull’esterno della rete.

Ancora tra le linee l’opportunità per l’Atalanta con Castagne che spinto in mezzo da Lazzari trova un pallone in verticale per Zapata che taglia dietro la difesa -errata lettura della palla scoperta da parte della Spal- e dal centro sinistra dell’area serve arretrato per Gomez sulla cui conclusione è decisivo Viviano “alla Ter Stegen”.

Gomez
L’argentino stesso è fondamentale nel “respiro” della squadra in fase di possesso, scendendo a prendere palla prima del cerchio di centrocampo sopperisce alla minore qualità di De Roon e Freuler, ma da regista garantisce un miglio avvio dell’azione e scalando il campo verticalmente per vie centrali riesce a farsi trovare libero tra le linee nel terzo offensivo per inserirsi in zona tiro o dettare i passaggi della rifinitura.
Gomez_2019-02-10 23.40.34

Il “falso centrale” di Gasperini
Tipica ed allo stesso tempo innovativa la funzione richiesta a tratti da Gasperini ai suoi centrali di destra e sinistra, coperti dall’abbassarsi di Freuler o De Roon ecco infatti Mancini o Toloi, od entrambi sganciarsi dalla linea arretrata ed agire da veri box-to-box portando palla in verticale o inserendosi sempre verticalmente negli half-spaces creando grande difficoltà alla retroguardia avversaria nel tracciare il movimento garantendo 1 o 2 uomini extra a Gasperini in fase di attacco.

Ilicic-Hateboer
Per caratteristiche naturali lo sloveno abbandona spesso la pozione di punta a supporto di Zapata per arretrare sul centro sinistra, se questo apparentemente isola il colombiano in realtà l’Atalanta gode della vicinanza tra lo sloveno e Hateboer per mettere in mezzo più palloni e liberare quella zona per gli inserimenti degli Atalantini.

Ad inizio ripresa chiara l’indicazione per Ilicic di restare più interno per riempire meglio lo spazio offensivo

Palla scoperta Spal
Già nel primo tempo la difesa spallina aveva marcato male la palla scoperta tardando a scappare e venendo salvata dalla linea del fuorigioco, al 55′ sulla palla verticale interna di Castagne è ancora Zapata a smarcarsi sul centro sinistra oltre la difesa, sul traversone basso del colombiano irrompe Ilicic per la rete del 1-1.

4-4-2 Spal senza palla
Cala l’aggressività nel secondo tempo per la Spal che non riesce più ad andare a prendere l’uscita palla avversaria sul nascere, Semplici riorganizza la fase difensiva in un basso 4-4-2 senza palla, denso nelle zone centrali, ma in difficoltà negli scorrimenti laterali.

Transizione affidata sempre di più alla fisicità di Petagna per far riposare e salire la squadra o alle scorribande di Cionek.

Palla scoperta ancora fatale per la Spal, con Ilicic che arretrato lancia Hateboer oltre Costa con la linea ospite che resta alta, pallone rasoterra centrale preciso dell’olandese sul quale Zapata sigla la rete del 2-1.
Subito il gol dello svantaggio la Spal non ha le risorse per tornare ad ingaggiare gli avversari in alto e l’Atalanta riesce a gestire agevolmente il finale di gara.

Embed from Getty Images

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...