Liverpool-Manchester City 0-0, Premier League

7 Ottobre 2018, Anfield
Le due prime della classe si spartiscono la posta nell’ennesima riedizione del duello di lunga data tra Jurgen Klopp e Pep Guardiola.

La formazione del Liverpool
Scelta conservativela per Klopp che schiera Joe Gomez al posto di Alexander Arnold sull’out di destra e che alla mezz’ora deve rinunciare a Milner sostituito da Naby Keita.

La formazione del City
Bernardo Silva è la scelta di Pep che deve rinunciare al lungo degente De Bruyne ed all’ultimo anche a Gundogan. In attacco Sterling a sinistra per Sane e Mahrez ala destra.

Liverpool_City_07102018

Avvio Made in Klopp
L’avvio della gara è prettamente nello stile di Jurgen Klopp con i Reds che chiudono il City nella propria metà campo.
Firmino in pressione tra i due centrali impedisce l’uscita della palla verso Fernandinho, mentre Salah e Mane in posizione intermedia coprono le linee di passaggio verso Bernardo Silva e David Silva cercando di indirizzare il passaggio verso le fasce per provare il recupero immediato o costringerli a forzare la giocata.

Pressing_Liverpool_City_07102018
Esempio di pressione del Liverpool spiegato benissimo su Twitter da @CharlesOnwuakpa

Questa fase occupa circa i primi 15 minuti dell’incontro caratterizzati da un’elevata pressione esercitata dai Reds, ma da nessun tiro nello specchio della porta, si segnala solo un tiro a lato sugli sviluppi di un pallone recuperato su Mendy.
Il Liverpool “intasa” gli spazi centrali alzando ai lati Robertson e Joe Gomez ed arretrando Mane o Firmino in funzione di raccordo, a Van Djik e Lovren si aggiunge dietro Henderson per garantire al Liverpool la superiorità nei duelli aerei e poter sfruttare in ripartenza la velocità del trio offensivo.

La scelta conservativa di Pep
Il primo quarto di gara conferma a Guardiola tutti i problemi emersi nel corso del doppio confronto di Champions dell’anno precedente che costò ai Citizens l’eliminazione. In tutto e per tutto identiche alcune ripartenze subite su palloni lunghi di Laporte intercettati dai Reds.
Per togliere agli uomini di Klopp la loro arma migliore, la riaggressione immediata, Guardiola opta per un’atteggiamento più conservativo articolabile in due elementi:
1_ In impostazione modifica l’assetto della squadra verso un 4-2-3-1 con Bernardo Silva ad abbassarsi all’altezza di Fernandinho in una sorta di doble pivote che, obbligando i Reds a coprire più linee di passaggio, favorisce l’uscita palla sia verso gli stessi centrali sia verso Walker e Mendy.

2_ In possesso palla per evitare di cadere nella trappola della riaggressione il fraseggio del City è meno diretto e mira per lo più a mantenere il possesso del pallone senza cercare di forzare la giocata in verticale.

Testimonianza di una ricerca della prudenza nel possesso è la statistica dei passaggi ricevuti da David Silva, la mezzala adibita ad adempiere funzioni quasi da 10 classico dopo l’arretramento di Bernardo non entra mai in possesso del pallone nella zona centrale del campo, ma sempre sugli esterni dove può ricevere nel breve dalle ali o dai terzini evitando il rischio di intercetto centrale e favorendo una circolazione da lato a lato di tipo orizzontale.

Per favorire la circolazione della palla in appoggio a Mahrez che arretra nello spazio lasciato libero da Walker “bloccato” sale Bernardo Silva dalla posizione di doble pivote, che limita a questa funzione di appoggio il suo apporto nella metà campo avversaria.

Secondo tempo più veloce
Nel tentativo di ottenere un vantaggio concreto Klopp inizia il secondo tempo in modo più offensivo, con Henderson che più volte cerca sull’out di destra un Gomez a cui viene dato l’imprimatur di spingere di più.
In risposta ad un atteggiamento più offensivo dei Reds si liberano più spazi per il contropiede del City che rispetto al primo tempo si trovano a poter giocare con meno densità nella zona centrale del campo.
Guardiola inserisce Sane e torna alla forma più funzionale del suo 4-3-3 che in fase offensiva diviene un 3-5-2 alzando definitivamente anche Mendy, l’ingresso ulteriore di Jesus per Aguero ( partita di sacrificio per il Kun, mai a segno ad Anfield ) garantisce maggior vivacità nel fraseggio offensivo e costringe i centrali ad un lavoro extra sui ripetuti scatti nel breve del brasiliano.
Oltre a dimostrarsi più convincente il City, le scelte di Pep sembrano premiate definitivamente quando a pochi minuti dalla fine a seguito di uno dei classici scambi in profondità del 3-5-2, Sane viene abbattuto in area, ma Mahrez non suggella il potenziale vantaggio calciando alto il rigore.

Schermata 2018-10-09 alle 20.53.58
Una giocata standard e vista più volte già nel corso della passata stagione, la ricerca di Sanè in profondità nello spazio tra i centrali o tra il centrale ed il terzino.

Conclusioni
Nel primo tempo Klopp regala con il suo Liverpool un master sui principi del pressing e della riaggressione bloccando letteralmente per lunghi tratti i Citizens quasi all’interno della propria area di rigore.
Nella fase centrale della gara Guardiola toglie ai Reds l’arma del gegen-pressing optando per un fraseggio più sicuro e limitando a sua volta la pressione sul recupero palla evidenziando (sulla scia di Napoli-Liverpool)come pur essendo migliorato nella circolazione del pallone il Liverpool soffra ancora quando deve fare la partita senza poter godere dei vantaggi da palla persa avversaria.

In definitiva questo approccio più conservativo nella gestione del pallone può rappresentare l’ennesima variabile a disposizione del City sia in ottica Europea sia all’interno della saga che vede contrapporsi le filosofie di Guardiola contro quelle di Jurgen Klopp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...